Il ministro Speranza a ‘Vita da campioni’: “Lo sport è salute”

Il ministro Speranza a ‘Vita da campioni’: “Lo sport è salute”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la salute “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non la semplice assenza di malattia”. Nel raggiungere questo stato di benessere, ha detto il ministro della Sanità Roberto Speranza, “lo sport è una componente essenziale, e dobbiamo fare di tutto per promuoverlo”. Il ministro ha affrontato il tema del valore dello sport in un incontro per il ciclo “Vita da Campioni” organizzato al Foro Italico dalla Federazione Italiana Tennis e da Sport e Salute al Foro Italico nel corso degli Internazionali BNL d’Italia, insieme al presidente della FIT Angelo Binaghi e alla due volte campionessa olimpica di sci di fondo Manuela Di Centa.

Siamo il quinto paese più sedentario d’Europa, ma la pandemia ha fatto emergere la voglia di sport in Italia. La promozione di un corretto stile di vita è un fattore cruciale. “Sport e Salute – ha detto il presidente Vito Cozzoli – sta tentando di diffondere anche una cultura della prevenzione, e lo sport è un farmaco naturale. Per ogni euro investito nello sport, il sistema sanitario nazionale ne risparmia cinque”.

Stimolare la pratica di base richiede anche una sfida sociale, necessaria per contrastare l’obesità infantile che aumenta maggiormente nelle zone più povere, perché dove si guadagna meno si mangia peggio. Ex icona dello sport italiano, Manuela Di Centa ha coinvolto una quarantina di grandi campioni di varie discipline perché portassero il loro esempio per promuovere i corretti stili di vita. “Il nostro percorso ci ha regalato medaglie, ma anche grandi esperienze formative. Abbiamo raccolto tanto sotto ogni profilo e ci siamo messi a disposizione per mettere a disposizione la nostra esperienza”. Angelo Binaghi, Vito Cozzoli, Roberto Speranza, Manuela Di Centa, Roberto Arditti (Foto Adelchi Fioriti) Lo sport è valore economico e insieme un tesoretto di valori. Molto si sta facendo, lo dimostra il 36% di italiani che hanno inserito l’attività fisica tra i comportamenti più importanti per prevenire il tumore, come ha rivelato una ricerca SWG per Sport e Salute. Ma non c’è solo la salute fisica. “Lo sport – ha sottolineato il ministro Speranza – è anche aggregazione, costruzione di una rete di relazioni. Preferisco vedere un ragazzo giocare in una squadra che passare ore sul divano davanti alla Playstation. Dobbiamo lavorare per diffondere questo stato di benessere che è insieme fisico e di comunità, attraverso la pratica sportiva”.

Quella di oggi, in un Foro Italico strapieno di spettatori, “è una festa della ripartenza”, ha aggiunto Speranza. “E’ un segnale di fiducia per un Paese che sta provando a mettersi alle spalle una stagione difficile. Ma non dobbiamo mai dimenticare che tutto questo è possibile perché la scienza ci ha dato vaccini sicuri e il 90% degli italiani ha aderito”.

Il ministro ha anche elogiato il presidente Binaghi per i progressi del tennis italiano degli ultimi anni e la cornice degli Internazionali BNL d’Italia non è casuale. “Il torneo – ha sottolineato Binaghi – è stato utilizzato come evento pilota dal Governo per riaprire le porte al grande pubblico. Nel 2020 il ministro Spadafora ci concesse mille spettatori per le semifinali e la finale, l’anno scorso fummo i primi a riaprire con il 25% della capienza dagli ottavi. Quest’anno siamo la prima grande manifestazione sportiva che ha riaperto al 100%”.

Fonte: https://www.internazionalibnlditalia.com/news/in-evidenza/il-ministro-speranza-a-vita-da-campioni-lo-sport-e-salute/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: