Novak Djokovic cade a Wimbledon, ma va al terzo turno: “Non ricordo di essere caduto così tanto”

Novak Djokovic cade a Wimbledon, ma va al terzo turno: “Non ricordo di essere caduto così tanto”

NOVAK DJOKOVIC batte KEVIN ANDERSON con un triplo 6-3 ed accede così al terzo turno dove incontrerà domani l’americano DENIS KUDLA, che ha eliminato il nostro ANDREAS SEPPI in 3 set.

La partita del serbo è stata una sorta di riedizione della finale 2018 (con tutte le proporzioni del caso, visto che Anderson si è ripreso da poco da un lungo infortunio) vinta da Nole anch’essa in tre set. Nel match di ieri, il numero uno del mondo che ha vinto più dell’80% di punti con la prima di servizio e più del 70% con la seconda di servizio. Non a caso, il serbo non ha concesso nemmeno un break. Djokovic Wimbledon 2019 Nole è il favoritissimo per questo Slam, visto che è il campione uscente delle ULTIME DUE EDIZIONI. Ma non solo, perché la mancanza di NADAL, la condizione fisica non eccellente di FEDERER e la poca versatilità ed esperienza dei NEXT GEN su erba, sono tutti grandi punti a favore di Djokovic. Il quale, con la vittoria all’All England Club avrebbe un piede e mezzo nel GRANDE SLAM, ovvero la vittoria di tutti e quattro gli Slam nello stesso anno. L’ultimo uomo a riuscirci è stato ROD LAVER nel 1969. Non a caso il campo centrale di Melbourne è dedicato a lui. Rod Laver, 1969 Senza dimenticare però che Novak punta anche a vincere le OLIMPIADI DI TOKYO, per ottenere l’unico grande evento tennistico che manca nel suo palmares. Insomma, il 34enne di Belgrado è l’uomo da battere quest’anno.

Per chi ancora non si fosse convinto: in questa edizione di Wimbledon, gli unici ad aver già battuto Nole nello Slam inglese sono FEDERER, MURRAY e SAM QUERREY. L’americano è stato l’ultimo a batterlo sul campo verde, addirittura 5 anni fa, perché nel 2017 il serbo si è ritirato contro Berdych per il famoso problema al gomito che quell’anno lo ha attanagliato.

Il numero uno, nella conferenza stampa dopo il match con il sudafricano, ha detto: “Sapevo che Kevin avrebbe servito bene e non avrei avuto tante opportunità di breakare. Quindi ho provato a giocare solido senza troppi rischi. HO FATTO MOLTO MEGLIO DI QUANTO PENSASSI“. Poi ha ringraziato il pubblico: “Siamo abituati a giocare di fronte al pubblico, ma negli ultimi 18 mesi non è stato così e sono felice di vedervi tutti quanti negli stadi. È fantastico, grazie mille a tutti”.

In seguito Nole ha scherzato sul suo feeling con l’erba: “Inoltre, sembra che io abbia una bella connessione con l’erba. NON RICORDO DI ESSERE CADUTO COSÌ TANTO NEI PRIMI DUE TURNI A WIMBLEDON, ma sì ho avuto una connessione con il pubblico e con l’erba oggi, è molto bello”.

Qualcuno riuscirà a fermare Djokovic a Londra quest’anno? Oppure riuscirà ad eguagliare il record di 20 slam di Federer e Nadal? Wimbledon, è appena cominciato.

Fonte: https://www.tenniscircus.com/wimbledon/novak-djokovic-cade-a-wimbledon-ma-va-al-terzo-turno-non-ricordo-di-essere-caduto-cosi-tanto/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: